Autorizzazione all'uso dei cookie

Jump to Navigation

Sinergie di scuola - MIUR

Abbonamento a feed Sinergie di scuola - MIUR
Fin dalla pubblicazione del primo numero a settembre 2010, Sinergie di Scuola si conferma essere una delle più interessanti riviste tecniche dedicate al settore scuola: rapporto di lavoro, amministrazione e direzione dell'istituto, adempimenti in carico ai diversi ruoli del personale. Nata come mensile su carta, dal 2012 è passata completamente al digitale per spingere al massimo l'integrazione con il sito internet ed essere ancora più puntuale e aggiornata.
Aggiornato: 10 ore 14 min fa

Posti residuati dalle immissioni in ruolo del personale ex LSU

Sab, 28/08/2021 - 21:23

Possibile il conferimento di supplenze temporanee fino al termine delle attività didattiche.

Facendo seguito alla nota prot. n. 25089 del 6/08/2021, con nota 26615 del 26/08/2021, il MI ha fornito specifiche indicazioni in ordine al conferimento di supplenze sui posti eventualmente residuati all’esito della procedura di cui all’articolo 58, comma 5-sexies, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69.

Com’ è noto l’articolo 58, comma 5-septies, del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, introdotto dalla legge 30 dicembre 2020, n. 178 (Legge di Bilancio 2021) prevede che “Nel limite di spesa di cui al comma 5-bis, primo periodo, i posti di cui al comma 5-ter che siano eventualmente rimasti vacanti e disponibili dopo la procedura di cui ai commi da 5-ter a 5-sexies, sono destinati, su istanza di parte, ai soggetti di cui al comma 5-sexies che, pur in possesso dei requisiti ivi previsti, non abbiano trovato posto nella relativa provincia. A tal fine, è predisposta un'apposita graduatoria nazionale, formulata sulla base del punteggio attribuito in attuazione del comma 5-sexies.”

L’anzidetta previsione normativa aggiunge, altresì, che: “Alle conseguenti assunzioni si applicano le disposizioni di cui al comma 5-sexies, sesto, settimo, ottavo e nono periodo.”

In particolare, il richiamato periodo ottavo prevede che “Nelle more dell'avvio della predetta procedura selettiva, al fine di garantire il regolare svolgimento delle attività didattiche in idonee condizioni igienico-sanitarie, i posti e le ore residuati all'esito delle procedure di cui al comma 5- quinquies sono ricoperti mediante supplenze provvisorie del personale iscritto nelle vigenti graduatorie.”

Per effetto di tale esplicito richiamo alle previsioni del comma 5-sexies, deve ritenersi che, analogamente a quanto veniva stabilito da detto comma, in ordine alla copertura mediante supplenze, dei posti a suo tempo residuati all’esito delle operazioni di mobilità straordinaria, anche i posti eventualmente rimasti vacanti e disponibili, a conclusione della procedura selettiva in corso di svolgimento sono ricoperti mediante incarichi a tempo determinato, nelle more dell’eventuale svolgimento dell’ulteriore fase assunzionale di cui al comma 5-septies, al fine di garantire il regolare svolgimento delle attività didattiche in idonee condizioni igienico-sanitarie.

In considerazione di quanto sopra esposto, pertanto, all’esito della procedura di cui all’articolo 58, comma 5-sexies, i posti disponibili potranno essere gestiti, analogamente a quanto previsto per lo scorso anno scolastico mediante il conferimento di supplenze temporanee fino al termine delle attività didattiche.

Non essendo ancora possibile, allo stato attuale, valutare se ricorrano i presupposti per l’espletamento dell’ulteriore fase assunzionale di cui al comma 5-septies, si evidenzia altresì la necessità di inserire nei contratti di supplenza un’apposita clausola risolutiva per l’eventualità in cui dovesse essere successivamente individuato un avente diritto alla nomina.

Confermati 1.000 assistenti tecnici per l'a.s. 2021/22

Sab, 28/08/2021 - 21:16

Chiarimenti in ordine alle modalità di impiego del contingente.

Con nota 26613 del 26/08/2021 il MI ha fornito chiarimenti in ordine alle modalità di impiego del contingente di 1.000 unità di personale assistente tecnico, laboratorio "Informatica" (cod. T72) di cui all’articolo 1, comma 967, della legge n. 178/2020 per l’anno scolastico 2021/22.

La ripartizione regionale del contingente di 1.000 unità, rinvenibile nella Tabella 2 allegata al D.M. 6/08/2021 n. 251, tiene conto, con ogni evidenza, della distribuzione della dotazione organica aggiuntiva di 1.000 unità di assistente tecnico per i laboratori "Informatica" (cod. T72) operata in precedenza dal decreto interministeriale sugli organici ATA per l’anno scolastico 2021/2022, attualmente in corso di registrazione.

Ciò posto, i 1.000 posti di Assistente Tecnico area informatica assegnati alle scuole del primo ciclo, una volta esaurite le disponibilità provinciali, possono essere messi a disposizione del secondo ciclo nei limiti del contingente assegnato, ma non possono essere convertiti in posti di aree differenti da T72: è pertanto esclusa ogni forma di compensazione su differenti categorie dello stesso personale o sui restanti profili professionali del personale ATA.

CertiLingua® – Attestato di Eccellenza

Ven, 27/08/2021 - 15:38

Candidature delle scuole entro il 28 settembre 2021.

L’Attestato di Eccellenza CertiLingua® per competenze plurilingui, europee e internazionali è destinato agli studenti dell’ultimo anno della scuola secondaria di secondo grado che abbiano dimostrato capacità di interagire in contesti internazionali in due o più lingue straniere.

L’Attestato è promosso in ambito nazionale dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e per la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione, come supporto al plurilinguismo e alla mobilità degli studenti.

I requisiti dello studente candidato Cerdi Stato dell’ a.s. 2020-2021 sono:

  • competenze linguistiche di livello B2 o superiore del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue in almeno 2 lingue curricolari diverse dalla propria lingua madre, accertate tramite Ente Certificatore riconosciuto a livello internazionale;
  • frequenza di corsi CLIL (Content and Language Integrated Learning) in una o più discipline non linguistiche per almeno 70 ore di lezione negli ultimi due anni oppure 140 ore di lezione negli ultimi quattro anni delle scuole secondarie di secondo grado;
  • competenze di cittadinanza europea maturate tramite la partecipazione a progetti di cooperazione internazionale, corrispondenti agli Standard CertiLingua® di Eccellenza nelle Competenze Interculturali.

Gli Istituti scolastici trasmetteranno all’USR entro il 28 settembre 2021:

  • scheda riepilogativa delle candidature della scuola
  • per ogni studente candidato in unico file formato PDF e NON in formato immagine la "Scheda di Candidatura e Documentazione del progetto personale con autorizzazioni a
  • cura dello studente" di cui all’Allegato 4 comprensiva di copia delle certificazioni linguistiche conseguite ovvero eventuale dichiarazione di aver sostenuto l’esame presso l’ente
  • certificatore e di essere in attesa dell’esito.

Per ulteriori informazioni

 

Calendario scolastico 2021/22: la tabella del MI

Mer, 25/08/2021 - 08:13

Tutte le date deliberate dalle Regioni.

Ogni anno il Ministero emana un’ordinanza che contiene le date delle festività nazionali, uguali perle scuole di ogni ordine e grado.

L’ordinanza stabilisce anche la data di svolgimento della prova nazionale inserita nell’esame di Stato conclusivo del primo ciclo, comprese le sessioni suppletive.

Inoltre l’ordinanza stabilisce la data di inizio degli esami di Stato conclusivi del II ciclo di istruzione.

Le Regioni fissano la data di inizio e di fine delle lezioni nonché gli eventuali ulteriori giorni di chiusura delle scuole nel periodo delle festività natalizie e pasquali o in altri periodi.

Riepilogo Calendari scolastici regionali a.s. 2021 - 2022

 

Ripartiti i 350 milioni del Sostegni bis

Mer, 18/08/2021 - 15:55

Pubblicato il decreto per garantire l’avvio dell’anno 2021/2022 in sicurezza.

Prosegue il lavoro del Ministero dell’Istruzione in vista della ripresa di settembre. Sono stati infatti ripartiti, con un decreto del Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi, d’intesa con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, i 350 milioni di euro stanziati dal decreto sostegni bis per garantire l’avvio dell’anno 2021/2022 in sicurezza.

Si tratta di risorse che i dirigenti scolastici potranno utilizzare per l’acquisto di dispositivi di protezione e di materiale per l’igiene individuale o degli ambienti, ma anche per interventi a favore della didattica per le studentesse e gli studenti con disabilità, disturbi specifici di apprendimento e altri bisogni educativi speciali, per potenziare gli strumenti digitali, per favorire l’inclusione e contrastare la dispersione scolastica attraverso il potenziamento dell’offerta formativa.

I fondi si potranno utilizzare anche per adattare gli spazi interni ed esterni degli istituti per garantire lo svolgimento delle lezioni in sicurezza o per l’acquisto di servizi professionali, di formazione e di assistenza tecnica per la sicurezza sui luoghi di lavoro, per l’assistenza medico-sanitaria e psicologica. Si potranno acquistare strumenti per l’aerazione e quanto ritenuto utile per migliorare le condizioni di sicurezza all’interno degli Istituti.

Con il decreto firmato, ora al vaglio degli organi di controllo, viene resa nota la somma a disposizione di ciascuna scuola. L’assegnazione dei fondi avverrà nei prossimi giorni insieme all’invio di una apposita nota che il Ministero dell’Istruzione fornirà alle scuole con le istruzioni operative per l’utilizzo delle risorse. Sarà previsto un supporto attraverso l’help desk per l’emergenza.

Esami di abilitazione alla libera professione 2021

Ven, 13/08/2021 - 13:42

Domande per aspiranti Presidenti e Commissari entro il 20 settembre 2021.

Con le Ordinanze Ministeriali n. 219, 220, 221 e 222 del 22 luglio 2021, è stata indetta, per il corrente anno 2021, la sessione degli Esami di Stato per l'abilitazione all'esercizio della libera professione, rispettivamente, di Agrotecnico e Agrotecnico laureato, Geometra e Geometra laureato, Perito Agrario e Perito Agrario laureato, Perito Industriale e Perito Industriale laureato.

Come disposto nelle citate Ordinanze, in ragione del protrarsi, allo stato, dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 disposta dalle vigenti norme, anche per la sessione del 2021 gli esami si svolgeranno con le stesse modalità attuate per la sessione d’esami 2020.

Gli esami consistono in un’unica prova orale, svolta esclusivamente con modalità a distanza in una sede virtuale/piattaforma, con interazione audio/video tra la commissione ed i candidati, con inizio nello stesso giorno su tutto il territorio nazionale, secondo il seguente calendario, ferma restando la “Clausola di riserva” riportata in ciascuna delle Ordinanze citate:

  • 16 novembre 2021, ore 8.30: insediamento delle commissioni esaminatrici e riunione preliminare, per gli adempimenti previsti dal Regolamento dei rispettivi Ordini nazionali;
  • 17 novembre 2021, ore 8.30: prosecuzione della riunione preliminare;
  • 18 novembre 2021, ore 8.30: predisposizione del calendario della prova orale e comunicazione del calendario ai candidati ammessi agli esami;
  • 23 novembre 2021, ore 8.30: inizio della prova orale.

Con nota 19407 del 10/08/2021 il MI ha fornito indicazioni in merito al reperimento dei Presidenti (Docenti Universitari e Dirigenti Scolastici) e dei Commissari (Docenti di scuola secondaria superiore).

Le domande dei Dirigenti Scolastici e Docenti di istituto secondario di Secondo grado, aspiranti alla nomina rispettivamente quale Presidente e componente delle commissioni di cui alla presente Nota devono essere prodotte entro e non oltre il 20 settembre 2021.

Rafforzamento degli apprendimenti dal 1° settembre

Mer, 11/08/2021 - 08:16

L'avvio delle lezioni è fissato al 13 settembre secondo l'ordinanza del MI per l'a.s. 2021/2022.

Con O.M. 256 del 6 agosto 2021 il MI ha comunicato le date di avvio delle lezioni per l'a.s. 2021/2022.

Ai sensi dell’articolo 58, comma 1, lettera a) del decreto-legge 25 maggio 2021, n. 73, e in deroga alle previsioni di cui all’articolo 138, comma 1, lettera d) del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, le attività delle scuole dell’infanzia per l’anno scolastico 2021/2022 nell’intero territorio nazionale possono avere inizio dal giorno 6 settembre 2021.

Per il medesimo anno scolastico le lezioni delle scuole del primo e del secondo ciclo di istruzione, ivi compresi i Centri provinciali per l’istruzione degli adulti, possono avere inizio il giorno 13 settembre 2021.

Le Regioni adottano le restanti determinazioni in materia di calendario scolastico, fermo restando che sono assegnati allo svolgimento delle lezioni almeno duecento giorni.

Le attività ordinarie di rafforzamento degli apprendimenti si svolgono a decorrere dal 1° settembre 2021.

 

IoTornoaScuola: sezione dedicata al rientro a scuola

Mar, 10/08/2021 - 18:03

Conterrà documenti ufficiali, indicazioni sanitarie, aggiornamenti dagli USR e faq.

È online da oggi #IoTornoaScuola, la sezione del sito del Ministero dell’Istruzione dedicata al rientro a scuola, in presenza e in sicurezza, a settembre. L’area web sarà in continuo aggiornamento e conterrà documenti e informazioni utili per l’anno scolastico 2021/2022.

Questa pagina è uno strumento - dichiara il Ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi - che mettiamo a disposizione di scuole, studentesse e studenti, famiglie, cittadini affinché abbiano indicazioni e risposte sempre aggiornate sul nuovo anno scolastico e su quello che accadrà da settembre. Nei prossimi giorni proseguiremo il lavoro di accompagnamento delle scuole con note operative agli istituti e un Help Desk. Lavoreremo fino alla riapertura e anche oltre, per garantire un avvio dell’anno sereno e ordinato”.

Su #IoTornoaScuola saranno pubblicati i documenti e le notizie ufficiali del Ministero, le indicazioni sanitarie, gli aggiornamenti sui territori da parte degli Uffici Scolastici Regionali, le domande e le risposte più frequenti.

Immissioni in ruolo personale ATA a.s. 2021/22

Mar, 10/08/2021 - 09:12

Indicazioni per le assunzioni, per la presentazione dell'istanza e per l'assegnazione della sede.

Con D.M. 251 del 6/08/2021 è stata autorizzata l’assunzione, nei ruoli del personale amministrativo, tecnico ed ausiliario delle istituzioni scolastiche nazionali, di un contingente pari a complessive 12.193 unità, comprensive di 45 unità per l’immissione in ruolo, ai sensi dell’articolo 1, comma 964, della legge n. 178/2020, del personale che nella procedura selettiva di cui all’articolo 58, comma 5-ter, del decreto-legge n. 69 del 2013 sia risultato in sovrannumero nella provincia in virtù della propria posizione in graduatoria nonché di 1.000 unità per l’immissione in ruolo del personale assistente tecnico, laboratorio "Informatica" (cod. T72), di cui all’articolo 1, comma 967, della legge n. 178/2020.

La quantificazione del contingente è derivata dalla somma delle cessazioni dal servizio registrate nei vari profili professionali del personale A.T.A. a far data dal 31.08.2021 e delle anzidette facoltà assunzionali di cui alla legge 30 dicembre 2020 n. 178, articolo 1, commi 964 e 967.

In particolare, il Ministero dell’istruzione è stato autorizzato ad assumere, con contratto di lavoro a tempo pieno e fino ad un massimo di 45 unità, a decorrere dal 1° settembre 2021, coloro che nella procedura selettiva di cui al citato articolo 58, comma 5-ter, del decreto-legge n. 69 del 2013 siano risultati in sovrannumero nella provincia in virtù della propria posizione in graduatoria, e sono altresì state ampliate di 1.000 unità le facoltà assunzionali del personale assistente tecnico, laboratorio "Informatica" (cod. T72).

Nel contingente complessivo di 12.193 unità sono inoltre ricomprese le unità di personale da immettere in ruolo nel profilo professionale di Direttore dei servizi generali ed amministrativi.

Le assunzioni del contingente di cui al D.M. 251 del 6/08/2021 , hanno decorrenza giuridica dal 1° settembre 2021 e decorrenza economica dalla data di effettiva presa di servizio e saranno effettuate sui posti risultanti vacanti e disponibili per l’intero anno scolastico.

Al personale immesso in ruolo per l’a.s. 2021/2022 è assegnata la sede definitiva nell’anno scolastico 2022/2023 nella provincia di immissione in ruolo.

In relazione alle operazioni di immissione in ruolo del personale A.T.A. per l’anno scolastico 2021/2022, il MI rende noto agli USR che, nel periodo compreso tra il 10 agosto 2021 e il 16 agosto 2021, saranno rese disponibili le funzioni telematiche per la presentazione delle istanze di nomina degli aspiranti iscritti nelle graduatorie di merito utili alle immissioni in ruolo per il profilo di Direttore dei servizi generali e amministrativi e degli aspiranti utilmente collocatisi nelle graduatorie dei concorsi per soli titoli per i profili professionali del personale ATA dell’area A e B, ai sensi dell’art. 554 del decreto legislativo n. 297/1994 e dell’O.M. 23.02.2009, n. 21, per l’a.s. 2021/2022.

A seguire verranno rilasciate le funzioni per la registrazione dei dati di immissione in ruolo sul fascicolo del personale e per la gestione dello scorrimento delle graduatorie per ulteriori nomine.

Per i soli aspiranti alla nomina nel profilo di DSGA, la presentazione dell’istanza si articolerà in due fasi:

  • In una prima fase, che prenderà avvio l’11 agosto, gli interessati potranno esprimere le proprie preferenze per le province nelle quali risulteranno inclusi.
  • Nella seconda fase, che decorrerà dal 17 agosto, gli aventi titolo potranno presentare istanza per l’assegnazione di sede.

Gli aspiranti utilmente collocatisi nelle graduatorie provinciali permanenti c.d. 24 mesi, invece, saranno chiamati a presentare un’unica istanza per l’assegnazione della sede, a partire dal 17 agosto.

Nel caso in cui l’aspirante all’immissione in ruolo (DSGA o ATA 24 mesi) manchi di presentare domanda nei termini ad esso assegnati per effetto dell’inclusione in un apposito turno di convocazione, lo stesso verrà trattato come assente con conseguente assegnazione d’ufficio della sede.

L'istanza andrà trasmessa tramite POLIS.

TUTTA LA NORMATIVA

Sessione straordinaria esami 2021

Mar, 10/08/2021 - 08:01

I colloqui hanno inizio l'8 settembre, l'insediamento della commissione il 6.

Il MI ha pubblicato l'Ordinanza ministeriale concernente la sessione straordinaria dell’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2020/2021 (O.M. 262 del 6/08/2021).

La sessione straordinaria ha inizio il giorno 8 settembre 2021, con l’avvio dei colloqui.

Le istituzioni scolastiche adottano le misure di prevenzione previste dal protocollo d’intesa tra il Ministero dell’istruzione e le Organizzazioni sindacali del settore scuola recante “Linee operative per garantire il regolare svolgimento degli esami conclusivi di Stato 2020/2021”.

Le commissioni, nella stessa composizione in cui hanno operato nella sessione ordinaria, si insediano lunedì 6 settembre 2021 presso gli istituti ove sono presenti candidati che hanno chiesto di sostenere gli esami nella sessione straordinaria.

Ai componenti le commissioni spetta una quota del compenso forfetario riferito alla funzione e una quota dell’eventuale compenso forfetario riferito ai tempi di percorrenza dalla sede di servizio o di residenza a quella di esame, in conformità con quanto previsto in materia di compensi dalle vigenti disposizioni. Tali quote sono calcolate con riferimento al periodo continuativo di svolgimento dei lavori della commissione e in misura proporzionale alla durata complessiva delle operazioni d’esame della sessione ordinaria.

I candidati degenti in luoghi di cura od ospedali, detenuti o comunque impossibilitati a lasciare il proprio domicilio nel periodo dell’esame inoltrano al dirigente/coordinatore, prima dell’insediamento della commissione o, successivamente, al presidente della commissione d’esame, motivata richiesta di effettuazione del colloquio fuori dalla sede scolastica, corredandola di idonea documentazione. Il dirigente/coordinatore – o il presidente della commissione – dispone la modalità d’esame in videoconferenza.

La modalità d’esame in videoconferenza è utilizzata anche per l’esame di Stato delle sezioni carcerarie, qualora risulti impossibile svolgere l’esame in presenza.

Il colloquio si svolge ai sensi degli articoli 17 e 18 dell’ordinanza esame di Stato secondo ciclo.

 

Supplenze a.s. 2021/22: la circolare

Dom, 08/08/2021 - 22:19

Tutte le indicazioni per le assunzioni da I fascia delle GPS e per il conferimento di contratti a tempo determinato per docenti e ATA.

Il MI ha pubblicato la nota 25089 del 6/08/2021, recante istruzioni e indicazioni operative in materia di supplenze al personale docente, educativo e ATA con riferimento all'a.s. 2021/22.

LEGGI ANCHE:

Supplenze e assunzioni da GPS: avviso del MI

Assunzioni dalla I fascia delle GPS

Tra le novità evidenziate, quelle contenute nel Sostegni bis: “In via straordinaria, esclusivamente per l'anno scolastico 2021/ 2022, i posti comuni e di sostegno vacanti e disponibili che residuano dopo le immissioni in ruolo ai sensi dei commi 1, 2 e 3 del presente articolo, salvi i posti di cui ai concorsi per il personale docente banditi con decreti del Capo del Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione del Ministero dell'istruzione nn. 498 e 499 del 21 aprile 2020, pubblicati nella Gazzetta Ufficiale, 4ª serie speciale, n. 34 del 28 aprile 2020, e successive modifiche, sono assegnati con contratto a tempo determinato, nel limite dell'autorizzazione di cui al comma 1 del presente articolo, ai docenti che sono iscritti nella prima fascia delle graduatorie provinciali per le supplenze di cui all'articolo 4, comma 6-bis, della legge 3 maggio 1999, n. 124, per i posti comuni o di sostegno, o negli appositi elenchi aggiuntivi ai quali possono iscriversi, anche con riserva di accertamento del titolo, coloro che conseguono il titolo di abilitazione o di specializzazione entro il 31 luglio 2021. Per i docenti di posto comune, di cui al primo periodo del presente comma, e' altresi' richiesto che abbiano svolto su posto comune, entro l'anno scolastico 2020/2021, almeno tre annualita' di servizio, anche non consecutive, negli ultimi dieci anni scolastici oltre quello in corso, nelle istituzioni scolastiche statali, valutabili come tali ai sensi dell'articolo 11, comma 14, della legge 3 maggio 1999, n. 124”.

Nel corso del contratto a tempo determinato i candidati svolgono il percorso annuale di formazione iniziale e prova. In caso di valutazione positiva del percorso annuale di formazione iniziale e prova, i candidati accedono ad una prova disciplinare che è superata al raggiungimento di una soglia di idoneità ed è valutata da una commissione esterna all’istituzione scolastica di servizio. In caso di giudizio positivo anche della prova disciplinare, il docente è assunto a tempo indeterminato e confermato in ruolo, con decorrenza giuridica dal 1° settembre 2021 o, se successiva, dalla data di inizio del servizio.

Istanza on-line

Gli aspiranti manifestano la volontà di partecipare alla procedura e attestano, nell’apposita sezione della piattaforma, il possesso dei requisiti tramite istanza nella stessa provincia nella quale risultino iscritti nella prima fascia, o negli elenchi aggiuntivi, delle GPS per il posto comune o di sostegno unicamente in modalità telematica attraverso l’applicazione “Istanze on Line (POLIS)”.

L'istanza sarà aperta dal 10 al 21 agosto 2021.

La mancata presentazione dell’istanza comporta la rinuncia alla partecipazione alla procedura.

La mancata indicazione di talune sedi è intesa quale rinuncia per le sedi non espresse.

La rinuncia all’incarico preclude il rifacimento delle operazioni anche per altra classe di concorso o tipologia di posto. In caso di rinuncia, resta salva la possibilità di partecipazione alle successive procedure di conferimento delle nomine a tempo determinato, qualora la rinuncia stessa pervenga entro il termine indicato dall’ufficio territorialmente competente.

Pubblicazione dei posti disponibili per le supplenze

Terminate le operazioni di utilizzazione e di assegnazione provvisoria, le disponibilità residue utili alle operazioni di conferimento degli incarichi a tempo determinato sono pubblicate a cura degli uffici scolastici regionali sui relativi albi e siti internet entro la data del 13 agosto ed entro il giorno antecedente a tale data sono acquisite a sistema le operazioni interprovinciali.

Blocco triennale

L’articolo 399, commi 3 e 3-bis, del T.U., dispone che: “A decorrere dalle immissioni in ruolo disposte per l'anno scolastico 2020/2021, i docenti a qualunque titolo destinatari di nomina a tempo indeterminato possono chiedere il trasferimento, l'assegnazione provvisoria o l'utilizzazione in altra istituzione scolastica ovvero ricoprire incarichi di insegnamento a tempo determinato in altro ruolo o classe di concorso soltanto dopo tre anni scolastici di effettivo servizio nell'istituzione scolastica di titolarità, fatte salve le situazioni sopravvenute di esubero o soprannumero. La disposizione del presente comma non si applica al personale di cui all'articolo 33, commi 3 e 6, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, purché le condizioni ivi previste siano intervenute successivamente alla data di iscrizione ai rispettivi bandi concorsuali ovvero all'inserimento periodico nelle graduatorie di cui all'articolo 401 del presente testo unico.

L'immissione in ruolo comporta, all'esito positivo del periodo di formazione e di prova, la decadenza da ogni graduatoria finalizzata alla stipulazione di contratti di lavoro a tempo determinato o indeterminato per il personale del comparto scuola, ad eccezione di graduatorie di concorsi ordinari, per titoli ed esami, di procedure concorsuali diverse da quella di immissione in ruolo.”

Supplenze del personale docente

Terminate le procedure di assunzione dalla I fascia delle GPS, il conferimento degli incarichi a tempo determinato per l’anno scolastico 2021/22 sarà disposto secondo le seguenti tipologie:

a) supplenze annuali per la copertura delle cattedre e posti d’insegnamento, su posto comune o di sostegno, vacanti e disponibili entro la data del 31 dicembre e che rimangano presumibilmente tali per tutto l’anno scolastico, da assegnare con termine al 31 agosto;

b) supplenze temporanee sino al termine delle attività didattiche per la copertura di cattedre e posti d’insegnamento, su posto comune o di sostegno, non vacanti ma di fatto disponibili, resisi tali entro la data del 31 dicembre e fino al termine dell’anno scolastico e per le ore di insegnamento che non concorrano a costituire cattedre o posti orario, il cui termine coincide con il giorno annualmente indicato dal relativo calendario scolastico quale termine delle attività didattiche;

c) supplenze temporanee per ogni altra necessità diversa dai casi precedenti, con termine all’ultimo giorno di effettiva permanenza delle esigenze di servizio.

Per l’attribuzione delle supplenze annuali e delle supplenze temporanee fino al termine delle attività didattiche di cui alle lettere a) e b), da parte del sistema informativo, sono utilizzate le graduatorie ad esaurimento (GAE). In caso di esaurimento o incapienza delle stesse, con le medesime modalità di cui al periodo precedente, si procede allo scorrimento delle graduatorie provinciali per supplenze (GPS).

In caso di esaurimento o incapienza delle GPS, i dirigenti scolastici provvedono a utilizzare le graduatorie di istituto. Per le supplenze temporanee di cui alla lettera c), si utilizzano le Graduatorie di Istituto.

L’individuazione del destinatario della supplenza è operata dal dirigente dell’amministrazione scolastica territorialmente competente nel caso di utilizzazione delle GAE e delle GPS e dal dirigente scolastico nel caso di utilizzazione delle graduatorie di istituto. Relativamente alle supplenze di cui alle lettere a) e b), l’assegnazione di una delle sedi indicate nella domanda comporta l’accettazione della stessa.

La mancata presentazione dell’istanza comporta la rinuncia alla partecipazione alla procedura. La mancata indicazione di talune sedi è inoltre intesa quale rinuncia per le sedi non espresse e la rinuncia all’incarico preclude il rifacimento delle operazioni anche per altra classe di concorso o tipologia di posto.

Quando si può lasciare una supplenza

Come disposto dall’art. 14, comma 2, dell’Ordinanza ministeriale n. 60/2020, il personale in servizio per supplenza conferita sulla base delle graduatorie di istituto ha comunque facoltà di lasciare tale supplenza per accettare una supplenza sulla base delle GAE e delle GPS, ai sensi dell’articolo 2, comma 4, lettere a) e b) dell’Ordinanza ministeriale.

MAD

All’atto dell’esaurimento della graduatoria di istituto, comprese le graduatorie delle istituzioni scolastiche viciniori, il dirigente scolastico si avvale di aspiranti docenti che abbiano presentato istanza di MAD.

Le domande di messa a disposizione devono essere presentate esclusivamente dai docenti che non risultino iscritti in alcuna graduatoria provinciale e di istituto e possono essere presentate per una sola provincia da dichiarare espressamente nell’istanza.
Qualora pervengano più istanze, i dirigenti scolastici daranno precedenza ai docenti abilitati e ai docenti specializzati.

In ogni caso, le domande di messa disposizione rese in autocertificazione ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, devono contenere tutte le dichiarazioni necessarie per consentire la verifica puntuale dei suddetti requisiti da parte dei dirigenti scolastici, ivi compresi gli estremi del conseguimento del titolo di abilitazione e/o del titolo di specializzazione. Gli eventuali contratti a tempo determinato stipulati con aspiranti non inseriti in graduatoria e tramite le cd. MAD sono soggetti agli stessi vincoli e criteri previsti dall’ordinanza, ivi incluse le sanzioni previste dall’articolo 14.

Controlli sulle autodichiarazioni

L’istituzione scolastica ove l’aspirante stipula il primo contratto di lavoro nel periodo di vigenza delle graduatorie effettua tempestivamente i controlli delle dichiarazioni presentate. Al termine dei controlli, il dirigente scolastico che li ha effettuati comunica l’esito della verifica all’Ufficio competente, il quale convalida a sistema i dati contenuti nella domanda e ne dà comunicazione all’interessato. I titoli si intendono definitivamente validati e utili per i titolari per la presentazione di ulteriori istanze e per la costruzione dell’anagrafe nazionale del personale docente di cui all’articolo 2, comma 4-ter, del DL 22/2020 convertito con modificazioni dalla L. 6 giugno 2020, n. 41. In caso di esito negativo della verifica, il dirigente scolastico che ha effettuato i controlli comunica all’Ufficio competente quanto accertato, per i conseguenti adempimenti richiamati nella medesima ordinanza.

Conferimento degli spezzoni

Nella scuola secondaria di primo e di secondo grado, il dirigente scolastico attribuisce, come ore aggiuntive oltre l’orario d’obbligo, fino a un orario complessivo massimo di ventiquattro ore settimanali, con il consenso degli interessati, le ore di insegnamento pari o inferiori a sei ore settimanali, che non concorrono a costituire cattedre o posti orario, ai docenti dell’organico dell’autonomia, in possesso di specifica abilitazione o specializzazione sul sostegno o, in subordine, del titolo di studio valido per l’insegnamento della disciplina.

Supplenze per il personale ATA

I posti di personale ATA, fatta eccezione per quelli del profilo di direttore dei servizi generali e amministrativi, che non sia stato possibile assegnare mediante incarichi a tempo indeterminato, sono coperti con il conferimento di supplenze annuali o di supplenze temporanee sino al termine dell’attività didattica.

Ai fini predetti si utilizzano le graduatorie permanenti provinciali per titoli di cui all’art. 554 del D.L.vo 297/94 e, in caso di esaurimento delle stesse, gli elenchi e le graduatorie provinciali predisposti ai sensi del D.M. 19.04.2001, n.75.

Solo in caso di esaurimento delle suddette graduatorie, le eventuali, residue disponibilità sono assegnate, dai competenti dirigenti scolastici, mediante lo scorrimento delle graduatorie d’istituto.

L’accettazione di una proposta di supplenza annuale o fino al termine dell’attività didattica non preclude all’aspirante di accettare altra proposta di supplenza per diverso profilo professionale, sempre di durata annuale o fino al termine delle attività didattiche.

Conferimento degli spezzoni

Per le supplenze attribuite su spezzone orario, è garantito in ogni caso il completamento. È consentito lasciare uno spezzone per accettare un posto intero, purché al momento della convocazione per lo spezzone non vi fosse disponibilità per posto intero. Il completamento può operare solo tra posti dello stesso profilo.

Sostituzione del personale temporaneamente assente

Per quanto riguarda la sostituzione del personale A.T.A. temporaneamente assente, i Dirigenti scolastici possono conferire supplenze temporanee nel rispetto dei criteri e principi contenuti nell’art. 6 del D.M. 13 dicembre 2000, n. 430.

Permane il divieto di sostituzione nei casi previsti dall’art. 1, comma 332, della legge 190 del 2014, come specificato dalle note DPIT prot. n. 2116 del 30 settembre 2015 e DGPER prot. n. 10073 del 14/04/2016.

Pertanto, i dirigenti scolastici non possono conferire le supplenze brevi di cui al primo periodo del comma 78 dell'articolo 1 della legge 23 dicembre 1996, n. 662, a:

a) personale appartenente al profilo professionale di assistente amministrativo, salvo che presso le istituzioni scolastiche il cui relativo organico di diritto abbia meno di tre posti;

b) personale appartenente al profilo di assistente tecnico;

c) personale appartenente al profilo di collaboratore scolastico, per i primi sette giorni di assenza.

Tale divieto è parzialmente derogato dall’art. 1, comma 602, della legge 27.12.2017, n. 205, con il quale si prevede che le istituzioni scolastiche ed educative statali possono conferire incarichi per supplenze brevi e saltuarie ai sensi dell’articolo 1, comma 78, della citata legge n. 662 del 1996, in sostituzione degli assistenti amministrativi e tecnici assenti, a decorrere dal trentesimo giorno di assenza.

Differimento della presa di servizio

Per effetto di quanto disposto dall’art. 41 del CCNL, i contratti a tempo determinato devono recare in ogni caso il termine.
La stipula del contratto, analogamente a quanto avviene per le assunzioni a tempo indeterminato, opportunamente perfezionata dal Dirigente scolastico attraverso le funzioni del sistema informativo, rende immediatamente fruibili gli istituti di aspettativa e congedo previsti dal CCNL. E’ inoltre estesa al personale a tempo determinato la possibilità di differire la presa di servizio per i casi contemplati dalla normativa (es. maternità, malattia, infortunio, etc…).

Più periodi di assenza del titolare

Ove al primo periodo di assenza del titolare ne consegua un altro, o più altri, senza soluzione di continuità o interrotto da giorno festivo, o da giorno libero, ovvero da entrambi, la supplenza temporanea, è prorogata nei riguardi del medesimo supplente già in servizio, a decorrere dal giorno successivo a quello di scadenza del precedente contratto.

Secondo l'art. 40, comma 3, e dall’art. 60, commi 1 e 2, del CCNL 29/11/2007, qualora il titolare “…si assenti in un'unica soluzione a decorrere da una data anteriore di almeno sette giorni all'inizio di un periodo predeterminato di sospensione delle lezioni e fino a una data non inferiore a sette giorni successivi a quello di ripresa delle lezioni, il rapporto di lavoro a tempo determinato è costituito per l'intera durata dell'assenza. Rileva esclusivamente l’oggettiva e continuativa assenza del titolare, indipendentemente dalle sottostanti procedure giustificative dell’assenza del titolare medesimo. Le domeniche, le festività infrasettimanali nonché, per i docenti, il giorno libero dell'attività di insegnamento, ricadenti nel periodo di durata del rapporto medesimo, sono retribuite e da computarsi nell'anzianità di servizio. Nel caso di completamento di tutto l’orario settimanale ordinario, si ha ugualmente diritto al pagamento della domenica ai sensi dell’art. 2109, comma 1, del codice civile”.

Approfondimenti

Scheda della Cisl Scuola

Scheda FLC CGIL

 

 

Assunzioni dirigenti, ATA, personale educativo e IRC

Ven, 06/08/2021 - 12:38

Arriva il via libera all'assunzione dal Consiglio dei Ministri.

Il Consiglio dei Ministri del 5 agosto ha approvato l’autorizzazione al Ministero dell’Istruzione ad assumere, a tempo indeterminato, sui posti effettivamente vacanti e disponibili, per l’anno scolastico 2021/2022 un numero pari a:

  • 12.193 unità di personale A.T.A (Amministrativo, Tecnico e Ausiliario);
  • 450 unità di dirigenti scolastici;
  • 108 unità di personale educativo;
  • 673 unità di insegnanti di religione cattolica.

Licei con curvatura biomedica

Mer, 04/08/2021 - 09:30

Domande dall'11 agosto al 7 settembre 2021.

Il MI ha pubblicato l'avviso pubblico per selezionare licei classici e scientifici nei quali verrà attivato, a partire dall’anno scolastico 2021-2022, il percorso di potenziamento di Biologia con curvatura biomedica.

L'avviso ha come oggetto la realizzazione di un percorso di potenziamento-orientamento di durata triennale (con un totale di 150 ore) a partire dal terzo anno del corso di studi; il monte ore annuale sarà di 50 ore di cui 40 presso i laboratori degli Istituti coinvolti, con la formula dell’impresa formativa simulata, e 10 ore presso le strutture sanitarie individuate dagli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri Provinciali, in modalità di PCTO (Percorsi per le competenze trasversali e orientamento). Le 40 ore da svolgere presso gli Istituti saranno suddivise in 20 ore tenute dai docenti di scienze e 20 ore tenute da esperti medici individuati dai relativi Ordini Provinciali dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.

Il materiale didattico sarà condiviso in itinere mediante piattaforma informatica gestita dal liceo scientifico “Leonardo da Vinci” di Reggio Calabria, scuola capofila di rete.

Le domande di partecipazione dovranno essere inoltrate a partire dal giorno 11 agosto 2021 e non oltre le ore 23:59 del giorno 7 settembre 2021, esclusivamente mediante la compilazione, da parte del Dirigente Scolastico, del form on line presente nell’area dedicata sul sito del Ministero dell’istruzione al seguente indirizzo http://www.istruzione.it/ProtocolliInRete/ (oppure accedendo dall’area SIDI), pena l’esclusione dalla procedura.

Progetti nell'ambito delle minoranze linguistiche

Mar, 03/08/2021 - 14:16

Proposte e documentazione da inviare entro il 25 ottobre 2021.

Il MI ha pubblicato l'invito alla presentazione di candidature per iniziative progettuali da parte di istituzioni scolastiche in rete situate in ambiti territoriali e subcomunali delimitati in cui si applicano le disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche.

Le proposte progettuali saranno prese in considerazione se complete dei seguenti documenti:

  • a. nota di trasmissione del dirigente scolastico della scuola capofila firmata digitalmente;
  • b. progetto in originale, redatto in lingua italiana e in lingua minoritaria;
  • c. scheda-formulario, allegata alla presente nota (Allegato 1), debitamente compilata in tutte le sue sezioni;
  • d. scheda sintetica (in formato Excel) formata da tre sezioni: anagrafica, coordinate bancarie, progetto allegata alla presente nota (Allegato 2), da compilare in tutte le sue parti (una scheda per ogni progetto presentato);
  • e. accordo di rete formale con non meno di altre due Istituzioni Scolastiche statali (o dipendenti dalle regioni e province autonome) o paritarie;
  • f. dichiarazione dell’Istituzione scolastica capofila con la quale si attesta, per ciascuna scuola aderente alla rete, l’ambito territoriale e subcomunale in cui si applicano le disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche (all'art. 3 comma 1 della precitata Legge n. 482/99).

La documentazione indicata dovrà essere inviata a mezzo di posta elettronica certificata all’indirizzo dgosv@postacert.istruzione.it e all’indirizzo di posta elettronica: daniela.marrocchi1@istruzione.it entro e non oltre il 25 ottobre 2021.

Nota 18446 del 30/07/2021 e allegati

 

Bando di concorso per 304 funzionari da assumere al MI

Gio, 29/07/2021 - 14:07

Inoltro della candidature on-line entro il 27 agosto 2021.

Il MI ha indetto un concorso pubblico, per esami, per il reclutamento di complessive n. 304 unità di personale non dirigenziale, a tempo indeterminato, da inquadrare nell’Area funzionale III, posizione economica F1, nei profili professionali sottoindicati, dei ruoli del personale del Ministero dell’Istruzione, secondo la seguente ripartizione:

  • n. 255 unità da inquadrare nell’Area funzionale III, posizione economica F1, profilo di funzionario amministrativo – giuridico – contabile (codice concorso 01);
  • n. 7 unità da inquadrare nell’Area funzionale III, posizione economica F1, profilo di funzionario socio – organizzativo - gestionale (codice concorso 02);
  • n. 7 unità da inquadrare nell’Area funzionale III, posizione economica F1, profilo di funzionario per la comunicazione e per l’informazione (codice concorso 03);
  • n. 35 unità da inquadrare nell’Area funzionale III, posizione economica F1, profilo di funzionario informatico – statistico (codice concorso 04).

I complessivi 304 posti sono elevabili fino a 648.

La presentazione della domanda avviene esclusivamente per via telematica, attraverso il sistema pubblico di identità digitale (SPID), compilando l’apposito modulo elettronico disponibile sulla piattaforma digitale  https://reclutamento.istruzione.it, previa registrazione. Per la partecipazione al concorso, il candidato deve essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui intestato.

I candidati possono presentare istanza on line di partecipazione entro le ore 18.00 del 27 agosto 2021.

La procedura concorsuale, in ordine a ciascun codice di concorso, si articola nelle seguenti fasi:

a) Eventuale prova preselettiva;

b) Prova scritta;

c) Prova orale.

Le prove sono dirette ad accertare il possesso di competenze coerenti con i profili professionali oggetto del bando e l’attitudine del candidato all’espletamento delle funzioni dei profili professionali medesimi.

BANDO

5 mln per progetti in collaborazione con il Terzo Settore

Mer, 28/07/2021 - 18:01

Disponibili anche ulteriori 10 mln da distribuire alle scuole per l’ampliamento dell’offerta formativa.

Il Ministero dell’Istruzione rafforza la collaborazione con il Terzo Settore, per favorire il potenziamento degli apprendimenti delle studentesse e degli studenti e per ampliare l’offerta formativa delle scuole su tutto il territorio nazionale. A disposizione, 5 milioni di euro, che vengono stanziati attraverso un Avviso pubblicato sul sito del MI. I progetti proposti dovranno favorire il successo formativo di alunne e alunni, utilizzando metodi innovativi di apprendimento e coinvolgimento di studentesse e studenti.

“Nella nuova scuola che stiamo costruendo, il compito del sistema educativo sarà ancora più centrale, per formare cittadine e cittadini consapevoli - dichiara il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi -. Lavoriamo a una scuola aperta e inclusiva, in costante rapporto con il territorio. Per questo è importante avviare una nuova modalità nei rapporti con il Terzo Settore, che ha un ruolo fondamentale per assicurare il legame e la sintonia tra l’istruzione e il mondo esterno. Ringrazio tutti gli Enti che collaboreranno con il Ministero e con gli istituti per educare ragazze e ragazzi alla difesa dei diritti, alla sensibilità sociale, alla legalità, alla tutela dell'ambiente, alla costruzione di un futuro sostenibile”.

È la prima volta che il Ministero si rivolge direttamente al Terzo Settore con un bando dedicato agli Enti che ne fanno parte. L’Avviso è finalizzato alla co-progettazione di iniziative, destinate alle scuole, sui seguenti temi:

  • contrasto alle mafie e legalità;
  • inclusione;
  • sostenibilità e transizione ecologica;
  • promozione dell’internazionalizzazione dei percorsi formativi;
  • promozione del libro e della lettura.

Una volta selezionati i migliori progetti, il Ministero pubblicherà un Avviso rivolto alle scuole, che potranno candidarsi per partecipare alle iniziative finanziate.

Inoltre, nel corso di questa settimana, saranno pubblicati ulteriori Avvisi finalizzati al finanziamento di progettualità per l’ampliamento dell’offerta formativa delle istituzioni scolastiche (legge 440/1997). Lo stanziamento complessivo è di 10 milioni di euro, che saranno destinati direttamente alle scuole, che potranno finanziare, ad esempio, l’istituzione di sportelli per l’autismo, attività di potenziamento delle competenze logico-matematiche, di riduzione della dispersione scolastica, di contrasto al bullismo e al cyberbullismo, di miglioramento dell’orientamento.

L’obiettivo è supportare la realizzazione di progettualità e la sperimentazione di pratiche innovative che potranno essere messe a disposizione di tutto il sistema d’Istruzione, in una logica di condivisione delle esperienze e della conoscenza. A tal fine, anche per garantire il rispetto della normativa vigente e consentire il monitoraggio sul corretto utilizzo delle risorse, le candidature delle scuole, nonché tutta la documentazione prodotta (sia amministrativa che di progetto) dovranno essere caricate su un’apposita piattaforma messa a disposizione dal Ministero (piattaforma “MonitorPimer”).

Per tutte queste iniziative, il Ministero offrirà assistenza alle istituzioni scolastiche, tramite i consueti canali dell’Help Desk Amministrativo Contabile (per problematiche organizzative, amministrative e gestionali) e del Service Desk (per problematiche tecniche).

Il Decreto

Frutta e verdura nelle scuole a.s. 2021/22

Ven, 23/07/2021 - 10:21

Adesioni entro il 28 luglio 2021.

Il Programma "Frutta e verdura nelle scuole" è destinato alle scuole ed individua negli alunni delle scuole primarie di età compresa tra i 6 e gli 11 anni i destinatari che vi partecipano a titolo completamente gratuito.

L’obiettivo è quello di incoraggiare i bambini al consumo di frutta e verdura e sostenerli nella conquista di abitudini alimentari sane, diffondendo messaggi educativi sulla generazione di sprechi alimentari e sulla loro prevenzione.

A tal fine vengono realizzate specifiche iniziative di formazione degli insegnanti su temi di educazione alimentare, ed iniziative di natura ludico-didattica finalizzate a facilitare il consumo e la degustazione dei prodotti distribuiti.

I bambini vengono coinvolti realizzando specifiche giornate a tema (Frutta Day) e giornate dedicate, durante le quali sono distribuiti contemporaneamente molti tipi di prodotto, da consumare nei diversi modi possibili, o effettuando visite a fattorie didattiche e ad aziende agricole: tutto ciò al fine di favorire la conoscenza dei processi produttivi degli alimenti.

Per l'a.s. 2021/22 è possibile aderire entro il 28 luglio.

TUTTE LE INFO

VAI ALL'AGENDA DI LUGLIO 2021

Calendario festività ed esami a.s. 2021/22

Gio, 22/07/2021 - 16:02

Firmata l'ordinanza ministeriale. La Maturità 2022 inizierà il 22 giugno.

Il Ministro Bianchi ha firmato l'O.M. 191 del 23/06/2021 sul calendario delle festività e degli esami per l’anno scolastico 2021/2022.

Per quanto riguarda, in particolare, gli esami del II ciclo, la prima prova scritta si svolgerà il 22 giugno 2022 alle ore 8:30.

La prima prova scritta suppletiva si svolge il giorno 6 luglio 2022 alle ore 8:30.

Gli sami del I ciclo si svolgerà, come sempre, nel periodo compreso tra il termine delle lezioni e il 30 giugno , secondo i
calendari definiti dalle commissioni d’esame insediate presso le istituzioni scolastiche statali e paritarie.

L’esame di Stato conclusivo del primo periodo didattico dei percorsi di primo livello per gli adulti iscritti e frequentanti i Centri provinciali per l'istruzione degli adulti si effettua, in via ordinaria, entro il termine dell'anno scolastico, secondo il calendario stabilito dal dirigente scolastico, sentito il collegio dei docenti.

Per i candidati per i quali il patto formativo individuale di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 263 del 2012 prevede un percorso di studio personalizzato tale da concludersi entro il mese di febbraio 2022, è prevista la possibilità di svolgere l'esame di Stato entro il 31 marzo dello stesso anno, secondo il calendario stabilito dal dirigente scolastico, sentito il
collegio dei docenti. A tal fine, la comunicazione di attivazione della sessione straordinaria è trasmessa all’Ufficio scolastico regionale competente. Entro il 31 marzo 2022 possono altresì sostenere l’esame di stato gli adulti che si trovano nelle condizioni previste dall’articolo 8, comma 7, dell’ordinanza ministeriale 3 marzo 2021, n. 52.

Il calendario delle festività è il seguente:

  • tutte le domeniche;
  • il 1° novembre, festa di tutti i Santi;
  • l’8 dicembre, Immacolata Concezione;
  • il 25 dicembre, Natale;
  • il 26 dicembre;
  • il 1° gennaio, Capodanno;
  • il 6 gennaio, Epifania;
  • il giorno di lunedì dopo Pasqua;
  • il 25 aprile, anniversario della Liberazione;
  • il 1° maggio, festa del lavoro;
  • il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica;
  • la festa del Santo Patrono.

Esame di Stato nelle scuole con progetti EsaBac ed EsaBac techno

Gio, 01/07/2021 - 16:33

Le fasi del procedimento.

I D.M. 8 febbraio 2013, n. 95, 4 agosto 2016, n. 614, e 24 aprile 2019, n. 384, dettano disposizioni per lo svolgimento dell’esame di Stato nelle sezioni degli istituti scolastici del sistema nazionale di istruzione in cui vi sono progetti EsaBac ed EsaBac techno, per il rilascio del doppio diploma italiano e francese, richiamate anche nell’ordinanza ministeriale 3 marzo 2021, n. 53, che disciplina l’esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2020/21.

A supporto della procedura prevista per il rilascio del diploma di Baccalauréat francese, il MI si avvale di una piattaforma informatica EsaBac, che permette di raccogliere tutti i dati degli studenti che hanno sostenuto la prova specifica EsaBac nell’ambito dell’Esame di Stato.

Il procedimento di rilascio del diploma di Baccalauréat prevede attività articolate in più fasi, in cui sono coinvolte le Commissioni di esame, le segreterie delle scuole e le Académies in Francia.

Queste le fasi del procedimento illustrate dal Ministero:

Prima fase

Lavori della commissione: secondo quanto previsto dall’ordinanza ministeriale n. 53 del 2021.

Seconda fase

Produzione dell’attestato di superamento dell’esame di Stato: a cura delle segreterie delle scuole, che accedono al SIDI per verificare e convalidare i risultati della prova EsaBac, allo scopo di produrre e stampare l’ “Attestato di superamento dell’esame di Stato e dichiarazione dei voti per il rilascio del Baccalauréat” in lingua italiana, con traduzione in lingua francese. Al riguardo, a seguito della riforma francese dell’esame di Baccalauréat, i diplomi dei percorsi liceali italiani, a partire dal corrente anno scolastico, trovano corrispondenza in due insegnamenti di specializzazione, che il sistema provvederà ad abbinare a ciascun percorso.

Terza fase

Stampa e invio dei diplomi di Baccalauréat: a cura delle Académies in Francia, che stampano e inviano i detti diplomi ufficiali agli Uffici scolastici regionali di competenza. Al riguardo, le istituzioni scolastiche, in qualità di titolari del trattamento dei dati personali degli studenti che hanno sostenuto la prova specifica EsaBac nell’ambito dell’Esame di Stato, dovranno predisporre un’informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell’articolo 13 del Regolamento UE 2016/679 prima di porre in essere il citato trattamento.

Esami di Stato 2021: modello di autocertificazione

Mar, 15/06/2021 - 12:41

Dovrà essere compilato da candidati, docenti, ATA e accompagnatori.

Con la nota 13942 dell'11/06/2021 il MI ha trasmesso il modello di autocertificazione che dovrà essere compilata per poter accedere nell'istituto scolastico per l'esame di Stato. Il documento è orevisto nell'ambito delle misure di sicurezza previste dal Protocollo sottoscritto in data 21 maggio 2021, recante “Linee operative per garantire il regolare svolgimento degli esami conclusivi di Stato 2020/2021”

SCARICA IL MODELLO

Pagine



Main menu 2

by Dr. Radut